Il Panettone
Il Panettone
Il Panettone
Il Panettone

Ingredienti per due panettoni

IL LIEVITINO
150g di farina w350
20g di lievito di birra
150g di latte intero
2 cucchiaini da caffè di miele IoconBio
IL PRIMO IMPASTO
400g di farina w350
120g di uovo sbattuto (3 rossi e uno intero)
120g di zucchero
150g di latte intero tiepido
Due cucchiaini di miele IoconBio
10g di lievito di birra
80g di burro a pomata
IL SECONDO IMPASTO
300g di farina w350
120g di uovo sbattuto (tre rossi e uno intero)
140g di zucchero
120g di burro a pomata
2 bacche di vaniglia
Scorza grattugiata di due arance
170g di uvetta sultanina
75g di arancia candita
75g di cedro candito
(in sostituzione dei canditi e uvetta, 200g di gocce di cioccolata per il panettone al cioccolato)

Procedimento

1.Preparate il lievitino, sciogliendo il lievito di birra nel latte tiepido. Aggiungete il miele, fatelo sciogliere e poi la farina. Mischiate fino ad ottenere un composto omogeneo. Coprite con pellicola e fate lievitare nel forno spento per un'ora
2.Quando il lievitino è pronto, preparate il secondo impasto. Sciogliete il lievito di birra nel latte, mischiate e aggiungete il lievitino. Aggiungete adesso la farina, il miele, le uova e cominciate ad impastare in una planetaria
3.Quando l'impasto è ben incordato e si stacca dalle pareti della planetaria, aggiungete il burro poco per volta e continuate a impastare fino a quando l'impasto non risulterà liscio e lucido
4.Coprite l'impasto con una pellicola e mettetelo a lievitare nel forno spento fino a quando non triplica il volume (circa 4 ore)
5.Quando il primo impasto è lievitato mettetelo nella planetaria e aggiungete gli ingredienti del terzo impasto eccetto il burro, l'uvetta e i canditi
6.Dopo circa 12/14 di impasto, aggiungete il burro poco per volta, fino a quando non sarà tutto ben amalgamato
7.Se fate due panettoni classici, aggiungete uvetta e canditi all'impasto e fate girare per altri tre/quattro minuti la planetaria. Se invece volete fare la versione anche al cioccolato, dividete in due la massa e incorporate in una l'uvetta e i canditi e nell'altra le gocce di cioccolata che dovrete mettere un'ora nel freezer per evitare che sciogliendosi rovinino la struttura dell'impasto
8.Date un paio di pieghe all'impasto e ponete i panettoni nei piroettino. Metteteli nel forno spendo e fate lievitare fino a quando l'impasto non sarà a due dita dal bordo
9.Finita la lievitazione con un coltello affilato (o meglio una lametta da barba) incidete a croce i panettoni
10.Preriscaldate il forno a 200g mettendo all'interno una ciotola d'acqua
11.Abbassate la temperatura a 180° e infornate a questa temperatura per 10 minuti
12.Trascorso il tempo abbassate la temperatura a 170° e fate cuocere per altri 20 minuti
13.Trascorsi venti minuti, aprite velocemente il forno e coprite i panettoni con due fogli di carta stagnola per evitare che colorino troppo
14.Abbassate a 150° e cuocete per altri 20 minuti
15.Tirate fuori i panettoni e infilzateli con una pinza da panettone (o dei ferri da maglia) e fateli raffreddare a testa in giù per tutta la notte
16.Mettete i panettoni in una busta da alimenti e mangiateli dopo due giorni. Questa operazione servirà agli aromi di sprigionarsi e a dare a questo dolce il suo classico sapore

Non sapete cosa regalare a Natale? E allora regalate (e regalatevi) un bel #panettone. Darete soddisfazione ai fortunati destinatari, perché dedicare loro un giorno e mezzo del vostro tempo è quanto di più prezioso possa esserci, in questo mondo che va ormai a trecento all’ora. Un tempo di lenta meditazione, guardando incordare, lievitare e cuocere il vostro prezioso regalo per corpo e mente. Anche per la mente, sì. Perché con una bella musica rilassante in sottofondo, tutto sarà più soave e a godere sarà anche il vostro animo. Mi raccomando però, organizzatevi e prendetevi tutto il tempo necessario e soprattutto scegliete ingredienti freschi e genuini, come il miele IoconBio e la vaniglia in bacche. E se non avete la pinza da panettone, i ferri per la maglia di vostra nonna andranno bene lo stesso. (credit ricetta per l’amico e chef Giuseppe Peppe Angelucci)

Lascia un commento

L’indirizzo email non verrà pubblicato.